Tribunale di Pavia, sez. III Civile, 14 marzo 2019, n. 468 (Est. Marzocchi) Massima L’utilizzo di Facebook integra un’ipotesi di diffamazione aggravata dall’utilizzo di un mezzo di pubblicità (diverso dalla stampa) perché la particolare diffusività del mezzo usato per propagare il messaggio denigratorio rende l’agente meritevole di un più severo trattamento penale. Ricognizione Il responsabile…

Cass. pen., Sez. V, 1 febbraio 2017, n. 4873 (est. Scordamaglia) Massima: La pubblicazione di un messaggio diffamatorio sulla bacheca “facebook” integra la configurazione aggravata del delitto di diffamazione di cui all’art. 595, comma 3 c.p., in quanto realizzata con “qualsiasi altro mezzo di pubblicità”. Ricognizione: La Corte di cassazione ha più volte affermato che…

© 2017 Spia al Diritto Designed by AD Web Designer

logo-footer