Cass. Pen., 13 maggio 2019, n. 20532 (Est. Romano)  Massima La circostanza aggravante della pluralità dei fatti di bancarotta attribuiti all’imputato (art. 219, secondo comma, n. 1, r.d. n. 267 del 1942) non richiede alcuna formale contestazione (diversa da quella dei fatti di bancarotta), in quanto l’utilizzazione di tale istituto si risolve esclusivamente nell’applicazione di…

Cass. pen., Sez, V, 22 marzo 2017, n. 13910 (est. De Marzo)   Massima: Nel reato di bancarotta prefallimentare, la sentenza dichiarativa di fallimento non costituisce elemento costitutivo del reato, ma ha funzione di mera condizione oggettiva di punibilità; essa determina il dies a quo della prescrizione e vale a radicare la competenza territoriale. Ricognizione:…

Cass. pen., 9 gennaio 2014, n. 599   Massima: La dichiarazione di fallimento rappresenta l’elemento che realizza la fattispecie di reato e che vale ad attribuire rilevanza penale ai sensi della L. Fall., artt. 216 e 223, a condotte che, antecedentemente, non avrebbero potuto essere qualificate come distrattive (o dissipative) in danno della massa dei…

© 2017 Spia al Diritto Designed by AD Web Designer

logo-footer