Corte di cassazione, sezioni unite civili, sentenza 31 maggio 2019, n. 15047(Est. Garri)

Massima:

Il ricorso per cassazione, ai sensi dell’art. 111 Cost., avverso le sentenze del giudice amministrativo rese in sede di ottemperanza, è inammissibile qualora la censura mossa con il ricorso in questione investa il “modo” in cui il potere giurisdizionale di ottemperanza è stato esercitato, attenendo ciò ai limiti interni della giurisdizione, la cui violazione è sottratta al sindacato della Suprema Corte.

Ricognizione:

Le Sezioni unite hanno precisato che: “Al fine di distinguere le fattispecie in cui il controllo sui limiti della giurisdizione in sede di giudizio di ottemperanza – nel quale al giudice amministrativo è attribuito un sindacato anche di merito – è consentito da quello in cui risulta invece inammissibile, è decisivo stabilire se la censura mossa con il ricorso investa il “modo” in cui il potere giurisdizionale di ottemperanza è stato esercitato, attenendo ciò ai limiti interni della giurisdizione (la cui violazione è sottratta al sindacato di questa Corte), oppure la “possibilità” stessa, in una determinata situazione, di fare ricorso al giudizio di ottemperanza, ciò attenendo invece ai limiti esterni (il cui superamento è soggetto al controllo di questa Corte regolatrice).

In particolare, quando l’ottemperanza sia stata esperita a fronte di comportamenti elusivi del giudicato o manifestamente in contrasto con esso, afferiscono ai limiti interni della giurisdizione gli eventuali errori ascritti al giudice amministrativo nell’interpretazione del giudicato e nell’individuazione dei relativi effetti conformativi; afferiscono, invece, ai limiti esterni le doglianze che pongano in discussione il fatto che nel caso concreto un tal potere, con la peculiare estensione che lo caratterizza, spettasse o meno a detto giudice (cfr. recentemente Cass. civ., sez. un., 14 gennaio 2019 n. 617 ed ivi le richiamate Cass. civ., sez. un., 18 giugno 2018 n. 16016; 30 maggio 2018 n. 13699; 30 marzo 2017 n. 8245, 09 gennaio 2013 n. 300).”

© 2017 Spia al Diritto Designed by AD Web Designer

logo-footer