Cass. Pen., Sez. IV, 14 maggio 2018, n. 21286 (est. Pavich)   Massima:   Alle Sezioni Unite stabilire se, a fronte di una condotta interamente posta in essere sotto il vigore di una legge penale più favorevole e di un evento intervenuto nella vigenza di una legge penale più sfavorevole, debba trovare applicazione il…

Cass. pen., Sez. II, 28 maggio 2018, n. 23896 (est. Verga)   Massima:   In tema di responsabilità da reato degli enti collettivi, il profitto del reato oggetto della confisca di cui all’art. 19 del d.lgs. n. 231 del 2001 si identifica con il vantaggio economico di diretta e immediata derivazione causale dal reato presupposto,…

Cass. pen., Sez. IV, 11 aprile 2018, n. 16104 (est. Picardi)   Massima:   Va rimessa alle Sezioni Unite la seguente questione: se sia ammissibile la continuazione tra reati puniti con pene eterogenee e se, in ossequio al “favor rei”, ferma la configurabilità della continuazione tra reati puniti con pene eterogenee, ove il reato più…

Cass. pen., Sez. III, 21 febbraio 2018, n. 8421 (est. Macrì)   Ricognizione: Il tema sottoposto all’esame della Suprema Corte è se sia sostenibile il mantenimento della confisca rispetto a reati per cui è intervenuta l’abolitio criminis, nella specie i delitti ex D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 10-ter sotto la soglia di punibilità individuata…

Cass. pen., Sez. IV, 18 aprile 2018, n. 17401 (est. Pavich)   Ricognizione: Di recente, la CGUE si è nuovamente pronunciata in riferimento al caso Taricco, precisando che il contrasto tra l’art. 325 TFUE ed il diritto interno di un singolo stato membro non può condurre alla disapplicazione della norma di diritto interno laddove essa…

Cass. pen., Sez. IV, 11 aprile 2018, n. 16104 (est. Picardi)   Massima:   Vanno rimesse alle Sezioni Unite le seguenti questioni di diritto: “Se sia ammissibile la continuazione tra reati puniti con pene eterogenee” e “Se, in ossequio al favor rei, ferma la configurabilità della continuazione tra reati puniti con pene eterogenee, ove il…

Cass. pen., Sez. I, 3 aprile 2018, n. 14782 (est. Fiordalisi)   Massima:   Ai fini della esimente della provocazione, occorre che la reazione sia conseguenza di un fatto che, per la sua intrinseca illegittimità o per la sua contrarietà alle norme del vivere civile, abbia in sé la potenzialità di suscitare un giustificato turbamento…

Cass. pen., Sez. III, 28 febbraio 2018, n. 9072 (est. Socci)   Massima:   L’applicazione dell’art. 131 bis c.p. è irrilevante per l’applicazione delle sanzioni all’ente; invero, la particolare tenuità del fatto comporta la sussistenza del reato e la sua riconducibilità agli imputati.   Ricognizione: Il problema posto dal ricorso della Procura Generale, presso la…

Cass. pen., Sez. III, 14 febbraio 2018, n. 6993 (est. Gai) Ricognizione: Il riconoscimento della garanzia del ne bis in idem di cui all’art. 4 del Protocollo n. 7 annesso alla Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo è espressione di una garanzia per il cittadino e cioè che nessuno possa essere nuovamente processato o punito per…

  Cass. pen., Sez. Un., 22 febbraio 2018, n. 8770 (est. Vessichelli)   Massima:   L’esercente la professione sanitaria risponde, a titolo di colpa, per morte o lesioni personali derivanti dall’esercizio di attività medico-chirurgica: a) se l’evento si è verificato per colpa (anche “lieve”) da negligenza o imprudenza; b) se l’evento si è verificato per…

© 2017 Spia al Diritto Designed by AD Web Designer

logo-footer