Cons. St., Ad. Plen., 13 luglio 2018, n. 4288 (est. Grasso)

 

Massima:

 

L’art. 25 del Codice civile assoggetta le fondazioni ad un controllo funzionalmente (e restrittivamente) preordinato alla tutela dell’ente, trovando ragione nell’assenza di un controllo interno analogo a quello esercitato nelle associazioni dei membri o da appositi organi a ciò deputati.

 

Ricognizione:

Il Consiglio di Stato, esprimendo il principio massimato, affronta una questione di portata prevalentemente civilistica esprimendosi sulla ratio dei controlli cui sono assoggettate le fondazioni.

Perviene a tale conclusione specificando che i poteri di controllo di cui dispone l’autorità amministrativa, tali da vincolare significativamente l’autonomia negoziale dei privati, non esprimono una funzione di controllo sulla mera opportunità delle determinazioni o gestionale o di indirizzo, che sarebbero – specie alla luce delle riforme liberalizzatrici del 1997/2000 (art. 13, comma 1, l. 15 maggio 1997, n. 127; art. 1, comma 1, l. 22 giugno 2000, n. 192; d.P.R. 10 febbraio 2000, n. 361) – incompatibili con l’autonomia privata degli enti destinatari.

Al contrario, perseguono un obiettivo di vigilanza, cioè di controllo di legittimità rispetto alla legge e all’atto di fondazione; il quale controllo a sua volta non è astratto e generale, ma funzionale alla salvaguardia dell’interesse interno e istituzionale dell’ente, cioè l’interesse alla preservazione del vincolo di destinazione del patrimonio allo scopo voluto dal fondatore e a suo tempo stimato meritevole di riconoscimento giuridico proprio in virtù della sua portata superindividuale, in guisa tale da giustificare la separazione di responsabilità con l’atto di riconoscimento giuridico della fondazione.

In tale ottica, si giustifica l’eventuale segnalazione proveniente da terzi funzionale a sollecitare l’esercizio, da parte della competente autorità amministrativa, del potere di annullamento per violazione delle disposizioni statutarie e delle finalità istituzionali.

© 2017 Spia al Diritto Designed by AD Web Designer

logo-footer