Cons. St., Sez. V, 23 novembre 2016, n. 4918 (est. Caputo)   Ricognizione: Nelle gare d’appalto pubbliche vige il principio di immodificabilità soggettiva dell’ATI affidataria del servizio. Detto principio, lungi dall’essere il portato precettivo di un divieto assoluto, ai sensi del combinato disposto dell’art. 37, comma 9 e commi 18 e 19 del Codice appalti,…

Cass. pen., Sez. III, 3 novembre 2016, n. 46170 (est. Ramacci)   Massima: Affinchè possa dirsi configurato il reato di inquinamento ambientale di cui all’art. 452 -bis c.p. non occorre che si sia verificata una condizione ambientale di ‘tendenziale irrimediabilità’, bensì che sia stata posta in essere un’attività rilevante di ‘compromissione’ o ‘deterioramento’ ambientale che…

Cass. civ., Sez. III, 22 novembre 2016, n. 23730 (est. Di Amato)   Massima: E’ da escludersi la possibilità di configurare una responsabilità dell’ente regione per l’adozione, da parte della propria assemblea competente, di una legge regionale contenente alcune norme successivamente dichiarate incostituzionali, nell’ipotesi per violazione dell’art. 117, comma 2 lettera s) e comma 3…

Cass. civ., Sez. Un., 18 novembre 2016, n. 23469 (est. De Stefano)   Massima: La tutela costituzionale assicurata dal terzo comma dell’art. 21 Cost. alla stampa si applica al giornale o al periodico pubblicato, in via esclusiva o meno, con mezzo telematico, quando possieda i medesimi tratti caratterizzanti del giornale o periodico tradizionale su supporto cartaceo…

di Stefania Bianco, Dottoressa in Giurisprudenza   Il sistema penalistico italiano si poggia su alcuni fondamentali principi che ne costituiscono l’architrave giuridica, attraversandolo in modo pieno e completo, in quanto indirizzati a tutti gli operatori del diritto, dal legislatore al giudice. Accanto ai principi formali, costituiti dalla legalità e dai suoi corollari- riserva di legge,…

CGUE, IX, 10 novembre 2016, n. C – 199/15   Massima: L’art. 45 della direttiva 2004/18/CE deve essere interpretato nel senso che non osta a una normativa nazionale che obbliga l’amministrazione aggiudicatrice a considerare quale motivo di esclusione una violazione in materia di versamento di contributi previdenziali ed assistenziali risultante da un certificato richiesto d’ufficio…

Cass. Civ., Sez. III, 10 novembre 2016, n. 22891 (est. Barreca)   Massima: Il contratto stipulato dal falsus procurator non è un contratto nullo, né annullabile, ma costituisce una fattispecie soggettivamente complessa, la quale necessita della ratifica del dominus per produrre effetti nei confronti di quest’ultimo. Si tratta di un negozio inefficace, sottoposto alla condizione…

  Cass. civ., Sez. III, 15 novembre 2016, n. 23236 (est. Manna)   Massima: Per gli effetti di cui all’art. 2935 c.c., il termine di prescrizione del diritto dell’acquirente al risarcimento del danno derivante dall’illegittimità edilizia dell’immobile oggetto di vendita, decorre non dalla data in cui si verifica l’effetto traslativo ma dalla manifestazione oggettiva del…

Cons. St., Ad. Plen., 4 novembre 2016, n. 23 (est. Contessa)   Massima: L’articolo 49 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e l‟articolo 88 del decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207, in relazione all‟articolo 47, paragrafo 2 della Direttiva 2004/18/CE, devono essere interpretati nel senso che essi ostano a…

  Cass. Pen., Sez. III, 28 luglio 2016, n. 33049  (est. Gai)   Massima: Non è configurabile il concorso di reati tra il delitto di violenza sessuale mediante costrizione e quello di induzione indebita, previsto dall’art. 319 quater cod. pen.   Ricognizione: La Suprema Corte affronta il tema della configurabilità di un concorso tra il…

© 2017 Spia al Diritto Designed by AD Web Designer

logo-footer