Cons. St., Sez. IV, 16 marzo 2015, n. 1351 (rel. Greco)   Massima: E’ rimessa all’Adunanza Plenaria la questione di quale sia il regime delle azioni di condanna al risarcimento del danno da lesione di interesse legittimo, pur introdotte in epoca successiva all’entrata in vigore del Codice del processo amministrativo, ma relative a fatti (asseritamente)…

Cass. Pen., Sez. VI, 10 marzo 2015, n. 10133 (rel. Capozzi)   Massima: L’abuso d’ufficio, in quanto reato di evento, non richiede, ai fini del perfezionamento, la realizzazione, da parte del pubblico ufficiale di atti amministrativi illegittimi ma unicamente il concreto verificarsi (reale o potenziale) di un ingiusto vantaggio patrimoniale che il soggetto attivo procura…

Cass. Pen., Sez. IV, 17 novembre 2014, n. 47289 (rel. Blaiotta)   Massima: La disciplina di cui all’art. 3 l. 8 novembre 2012 n. 189, pur trovando terreno d’elezione nell’ambito dell’imperizia, può venire in rilievo anche quando il parametro valutativo della condotta dell’agente sia quello della diligenza.   Ricognizione: In base all’innovazione legislativa apportata dall’art….

  Cass. Pen., Sez. V, 6 febbraio 2005, n. 5643   Massima: Le norme disciplinanti il sequestro di persona e la sottrazione di minore non sono tra loro alternative, perché tutelano beni giuridici e diritti soggettivi diversi, ossia la libertà fisica nel caso del sequestro di persona e il diritto dell’affidatario dell’incapace a mantenere il…

Cass. Civ., Sez. II, ordinanza 12 marzo 2015, n. 4965   Massima: La Corte rimette la causa al Primo Presidente, affinché ne valuti l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite della seguente questione: se, nel caso in cui il regolamento edilizio determini solo la distanza fra le costruzioni, in assenza di qualunque indicazione circa il distacco delle…

  Cass. Civ., Sez. III, 19 dicembre 2014, n. 26901   Massima: La società proprietaria dell’impianto sportivo non risponde ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 2043 c.c., per il danno subito da uno spettatore in conseguenza del lancio di un moschettone da trekking, trattandosi di evento che non è controllabile, a fronte…

Corte giust. UE, 4 marzo 2015, n. C – 534/13   Massima: E’ compatibile con i principi del “chi inquina paga”, di precauzione e dell’azione preventiva e della correzione, in via prioritaria alla fonte, dei danni causati all’ambiente – ex articolo 191, paragrafo 2 – primo comma – TFUE, la normativa italiana che, nella specie,…

Cons. St., Ad. Plen., 4 marzo 2015, n. 2   Massima: È sollevata questione di legittimità costituzionale degli artt. 106 c.p.a. e 395 e 396 c.p.c. in relazione agli artt. 117, co.1, 111 e 24 Cost nella parte in cui non prevedono un diverso caso di revocazione della sentenza quando ciò sia necessario, ai sensi…

  Cass. Pen., Sez. I, 6 febbraio 2015, n. 5676   Massima: L’accertamento dell’elemento psicologico in cui risiede il criterio distintivo tra l’omicidio volontario (in cui la volontà dell’agente è costituita dall’animus necandi, ossia dal dolo intenzionale, nelle gradazioni del dolo diretto o eventuale) e l’omicidio preterintenzionale (in cui la volontà dell’agente è diretta a…

Tribunale di Milano, ordinanza 4 marzo 2015   Massima: Si rimette alla Corte Costituzionale la questione di legittimità costituzionale dell’art. 1, commi 1 e 2, e dell’art. 4 comma 1 della legge 19 febbraio 2004 n. 40, per contrasto con gli artt. 2, 3 e 32 Cost., nonché con l’art. 117, comma 1 della Costituzione,…

© 2017 Spia al Diritto Designed by AD Web Designer

logo-footer