Cons. St., Sez. IV, 13 gennaio 2015, n. 52   Massima: L’art. 21 c.p.a. permette di ritenere che il Commissario ad acta si atteggia quale “ausiliario” del giudice, ossia organo che, per quanto si desume dalla stessa disposizione normativa, agisce quale longa manus del giudice, la cui volontà di attuazione della norma nel caso concreto…

Cass. Civ., Sez. Un., 19 gennaio 2015, n. 735   Massima: L’illecito spossessamento del privato da parte della p.a. e l’irreversibile trasformazione del suo terreno per la costruzione di un’opera pubblica non danno luogo, anche quando vi sia stata dichiarazione di pubblica utilità, all’acquisto dell’area da parte dell’Amministrazione ed il privato ha diritto a chiederne…

Cass. Pen., Sez. II, 16 dicembre 2014, n. 52121   Massima: Il criterio differenziale fra il delitto di truffa aggravata dall’ingenerato timore di un pericolo immaginario e quello di estorsione, risiede solo ed esclusivamente nell’elemento oggettivo: si ha truffa aggravata quando il danno immaginario viene indotto nella persona offesa tramite raggiri o artifizi; si ha…

Cass. Civ., Sez. III, 22 gennaio 2015, n. 1126   Massima: Il diritto costituzionalmente tutelato alla libera espressione della propria identità sessuale appartiene al novero dei diritti inviolabili della persona di cui all’art. 2 Cost., quale essenziale forma di realizzazione della propria personalità.   Ricognizione: La Corte di cassazione, nella sua opera di integrazione continua…

Tar Lazio, Roma, 8 gennaio 2015, n. 192   Massima: L’art. 19, legge n. 241/1990, in presenza di una denuncia di inizio attività illegittima, consente certamente all’Amministrazione di intervenire anche oltre il termine perentorio di cui all’art. 23, comma 6, del D.P.R. n. 380/2001, ma solo alle condizioni (e seguendo il procedimento) cui la legge…

Cass. Pen., Sez. VI, 11 dicembre 2014, n. 51688   Massima: Le condotte di colui che, vantando un’influenza effettiva verso il pubblico ufficiale, si fa dare o promettere denaro o altra utilità come prezzo della propria mediazione o col pretesto di dover comprare il favore del pubblico ufficiale, condotte finora qualificate come reato di millantato…

  Cass. Pen., Sez. V, 15 dicembre 2014, n. 52075   Massima: In materia di violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza, la nozione di giusta causa, alla cui assenza l’art. 616 secondo comma cod. pen., subordina la punibilità della rivelazione del contenuto della corrispondenza, non è fornita dal legislatore ed è dunque affidata al concetto…

Cass. Pen., Sez. Un., 12 dicembre 2014, n. 51824   Massima: L’offerta o la promessa di denaro o di altra utilità al consulente tecnico del pubblico ministero finalizzata ad influire sul contenuto della consulenza integra il delitto di intralcio alla giustizia di cui all’art. 377 cod. pen. in relazione alle ipotesi di cui agli artt….

© 2017 Spia al Diritto Designed by AD Web Designer

logo-footer