Corte cost., 15 maggio 2014, n. 125   Massima: La Corte costituzionale 1) dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 9 della legge della Regione Umbria 6 maggio 2013, n. 10 (Disposizioni in materia di commercio per l’attuazione del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201 convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 e del decreto-legge…

Cass. Pen., Sez. V, 7 maggio 2014, n. 18885   Massima: La causa di non punibilità di cui all’art. 649 c.p. non trova applicazione qualora la cosa sottratta appartenga anche a persona estranea alla cerchia parentale considerata dalla disposizione citata, ma solo perché quest’ultima è, al pari del soggetto passivo “proprio”, titolare del bene giuridico…

Cass. Pen., Sez. III, 15 maggio 2014, n. 20238   Massima: In tema di repressione di traffico degli stupefacenti, l’intervento degli agenti provocatori, quando sia determinante per la commissione del reato, se utilizzato nel processo penale, può falsare irrimediabilmente il carattere equo del processo. Ciò, invece, deve escludersi quando risulti che l’indagato è pronto a…

di Alessandro De Santis, Dottore in Giurisprudenza Il funzionamento del nostro ordinamento penale si fonda sul principio di legalità, che, tuttavia, rimarrebbe un mero simulacro formale laddove non corroborato dai suoi corollari applicativi, ossia il principio della riserva di legge, il principio della tassatività e della determinatezza ed il principio della irretroattività della legge penale…

Con la sentenza in epigrafe, i giudici capitolini si affaticano nel puntualizzare le differenze intercorrenti tra l’ organismo di diritto pubblico e l’ impresa pubblica, due nozioni di derivazione comunitaria rilevanti ai fini dell’ individuazione dell’ alveo operativo della disciplina contenuta nel Codice Appalti. Invero, mentre l’ organismo di diritto pubblico rileva quale amministrazione aggiudicatrice…

L’ art. 21bis della L. 287/1990, introdotto dal Decreto Monti, attribuisce all’ AGCM un potere dirompente a tutela dell’ assetto concorrenziale del mercato. In particolare, prevede che, “L’Autorità garante della concorrenza e del mercato, se ritiene che una pubblica amministrazione abbia emanato un atto in violazione delle norme a tutela della concorrenza e del mercato,…

Cass. Civ., Sez. I, 9 maggio 2014, n. 10105   Massima: Il trust non è un soggetto giuridico dotato di una propria personalità ed il trustee è l’unico soggetto di riferimento nei rapporti con i terzi, non quale legale rappresentante di un soggetto (che non esiste), ma, piuttosto, come soggetto che dispone del diritto. Il…

Corte Giust. CE, 8 maggio 2014, n. C -161/13   Massima: Gli articoli 1, paragrafi 1 e 3, nonché 2 bis, paragrafo 2, ultimo comma, della direttiva 92/13/CEE del Consiglio, del 25 febbraio 1992, che coordina le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative relative all’applicazione delle norme comunitarie in materia di procedure di appalto degli enti…

Corte Giust. CE, 8 maggio 2014, n. C 15/13   Massima: L’articolo 1, paragrafo 2, lettera a), della direttiva 2004/18/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 31 marzo 2004, relativa al coordinamento delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, di forniture e di servizi, deve essere interpretato nel senso che un contratto…

Cass. Pen., Sez. I, 23 aprile 2014, n. 17645   Massima: Il rapporto tra l’imputabilità ed il reato è di assoluta indipendenza, nel senso cioè che il reato è configurabile a prescindere dalla capacità d’intendere e di volere del suo autore, dal che consegue coerentemente la piena autonomia tra le nozioni di imputabilità e di…

© 2017 Spia al Diritto Designed by AD Web Designer

logo-footer