All’ interno del nostro ordinamento giuridico, chi ha eseguito un pagamento non dovuto, perché non fondato su di un titolo giuridicamente rilevante, ha la possibilità di ripetere ciò che ha pagato tramite lo strumento della “condictio indebiti”, di cui agli artt. 2033 e 2036 c. c.. Il successivo art. 2034 c. c. deroga a tale…

La Corte Suprema di Cassazione con sentenza depositata in data 12 marzo 2013 ha affrontato il problema di successione di leggi penali ex art. 2 c.p., a seguito dell’entrata in vigore della legge 6 novembre 2012, n. 190, che ha “spacchettato” l’originaria ipotesi della concussione, prevista dall’art. 317 c.p., in cui venivano parificate le condotte…

di Anna Galizia Danovi & Riccardo Pesce, Avvocati     Il caso Numerosi sono stati i commenti alla sentenza della Corte di Cassazione Civile, 11 gennaio 2013 n. 601, che ha confermato l’affidamento esclusivo del figlio alla madre omosessuale e convivente con una donna. In breve i fatti. La Corte d’Appello di Brescia ha respinto l’appello proposto…

Nell’ attuale contesto civilistico, l’ adempimento si configura come naturale attuazione del vincolo obbligatorio, caratterizzata dal soddisfacimento dell’ interesse creditorio ad esso sotteso e, dunque, dall’ estinzione del vincolo stesso. Trattasi di una concezione ben differente rispetto a quella recepita in epoca romanistica, laddove, il vincolo obbligatorio comportava l’ integrale assoggettamento della persona del debitore…

All’ interno del nostro ordinamento penale, le circostanze possono essere qualificate quali elementi accidentali del reato, che ruotano intorno agli elementi costitutivi della fattispecie criminosa.          La concreta manifestazione delle stesse, dunque, non risulta essenziale per la configurazione del reato, ma può considerarsi espressiva del maggiore o minore disvalore insito nella fattispecie concreta, così incidendo sulla…

© 2017 Spia al Diritto Designed by AD Web Designer

logo-footer